Menu
X
image

Sei dipendente dallo smartphone? Ecco alcuni indizi per capirlo…

Il grande sviluppo della tecnologica, con i suoi indiscutibili vantaggi, ha portato ognuno di noi a inglobare lo smartphone in quasi tutte le azioni della nostra vita. Infatti, se ci pensate un attimo…Dove puntate la sveglia la sera? Quale dispositivo utilizzate per scattare le foto? E quando non sapete una strada come fate?

Queste semplici domande ci permettono di realizzare che è quasi impossibile pensare ad una giornata senza smartphone.

Però, nonostante la sua utilità per molteplici azioni, bisogna prestare attenzione a non diventarne schiavi e dipendenti. Una ricerca svolta da Motorola nel 2017 ha dimostrato che il 33% dei partecipanti dà priorità allo smartphone rispetto all’interazione con altre persone e 2 intervistati su 3 ammettono di sentirsi in panico pensando di trovarsi nella situazione di smarrimento o furto dello smartphone.

Nomofobia”: questo il termine tecnico che si usa per indicare la dipendenza da cellulare, una paura di restare sconnessi dal “mondo”, o meglio quella che gli inglesi definiscono la Fear Of Missing Out, cioè la fobia di essere tagliati fuori.

Ma quali sono i segnali che ci permettono di capire che siamo dipendenti dallo smartphone?

  1. Ignorare le persone durante una conversazione: i rapporti umani e sociali vengono trascurati e messi in secondo piano rispetto a ciò che avviene online. In questo caso si percepisce proprio una difficoltà a staccarsi dallo schermo, che sembra essere l’unica “relazione” interessante attorno alla persona.
  2. Controllare ossessivamente notifiche e chat: lo schermo si illumina…potrebbe essere un like ad una foto di Instagram o un nuovo follower o la condivisione dell’ultimo post su fb. Il denominatore comune è guardare con una certa smania il telefono appena arriva una notifica per verificare se siano arrivati messaggi su whatsapp o like alle foto.
  3. Sintomi di malessere quando non è possibile usare il cellulare: se il cellulare si scarica o se, per sbaglio, viene dimenticato a casa o in macchina, si presentano sintomi di malessere e la persona prova frustrazione, come se fosse in una piena crisi d’astinenza.
  4. Ansia e paura di perdere informazioni in rete: questo porta la persona a controllare continuamente il cellulare per il desiderio di monitorare gli altri e le loro azioni, ma anche monitorare se stessi ed il proprio “successo” sui social.

È possibile uscirne?

Senza dubbio il primo importante passo è quello di riconoscere che tipo di rapporto si ha con lo smartphone e quanto questo sia presente ed invalidante per la nostra vita.

Uno strumento per combattere la dipendenza da smartphone, paradossalmente, è proprio lo smartphone stesso.

Infatti, soprattutto negli ultimi anni, sono state create numerose applicazioni che permettono di monitorare l’uso del cellulare, registrando il numero di volte che si controlla o il tempo passato su ogni singola App. Fra queste applicazioni, ricordiamo App Usage che è raccomandabile per darsi delle regole per l’utilizzo del telefono, alternandolo a momenti di “disconnessione”.

Oltre a questa App, come consiglio generale può essere utile disattivare le notifiche che sono le principali “tentazioni” che ci portano ad aprire lo smartphone e controllarlo.

Qualora queste piccole ma importanti strategie non dovessero funzionare o risolvessero il problema solo in parte, è consigliabile consultare un professionista per ricevere un aiuto mirato e concreto, anche in tempi brevi. Infatti, attraverso l’utilizzo della Terapia a Seduta Singola, è possibile, con specifici interventi e manovre, intervenire sul problema ed ottenere benefici in tempi brevi, ricavando il massimo anche da un singolo incontro.

Non esitare quindi a contattare uno dei terapeuti formati in Terapia a Seduta Singola cercando sul nostro sito onesession.it, il terapeuta più vicino a te e più adatto alle tue esigenze.

Se vuoi rimanere aggiornato iscriviti alla nostra Pagina Facebook onesession.it

Bibliografia

Guerreschi C. (2014), Mobile Addiction. La dipendenza da cellulare, Edizioni San Paolo: Roma.

Portelli C., Papantuono M., (2017), Le nuove dipendenze. Riconoscerle, capirle, superarle. San Paolo Edizioni: Roma.

No Tag have Found!
Back To Home

Privacy Policy

Cookie Policy

© 2020 Italian Center for Single Session Therapy srls - Piazza Comitato Lib. Nazionale, 5 - 00015 Monterotondo (RM) - PIVA: 14156091002 Onesession. UOUAPPS