Menu
X
image

Il mio corpo che cambia

Durante la vita c’è un periodo in cui avvengono repentine trasformazioni dal punto di vista fisico, sociale e psicologico. E’ un periodo che tutti noi attraversiamo, perché vuol dire crescere. Potremmo paragonarlo a un ponte a senso unico che collega tra loro due isole: l’infanzia e la vita adulta. All’età di circa 10-13 anni, infatti, abbandoniamo l’infanzia per approdare, dopo una decina d’anni, alla vita adulta. Questo “ponte” prende il nome di adolescenza.

Quando mi accorgo che il mio corpo sta cambiando: la pubertà

La strada che percorriamo su questo ponte, possiamo immaginarla come formata da tre corsie. Una prima corsia rappresenta tutti i cambiamenti psicologici cui si va incontro, la seconda i cambiamenti sociali, infine la terza i cambiamenti somatici. Se ci riferiamo soltanto ai cambiamenti fisici che intervengono durante l’intera adolescenza, allora la definiremo col termine di pubertà.

Sia per i maschi che per le femmine, la pubertà rappresenta quel momento che va dalla comparsa dei primi caratteri sessuali, fino alla loro completa maturazione. In altre parole, alla fine di questo lasso di tempo, le femmine diventeranno donne, e i maschi uomini.
In rari casi, la pubertà può iniziare anche prima dei 10 anni o, diversamente, avviarsi dopo i 13 anni. In queste circostanze si parla di pubertà anticipata o ritardata, cosa che potrà rinviare a disturbi psicofisiologici di differente natura.

Diventare donna

Per le femmine, l’inizio della pubertà coincide spesso con un graduale aumento dell’altezza di 15-20 cm, che al contempo comporta altri cambiamenti corporei. I più evidenti sono l’ingrandimento del seno, nonché la comparsa di peli nel pube e nelle ascelle. Il corpo, inoltre, tenderà ad allargarsi sui glutei, sui fianchi e sulle cosce. Si attiveranno anche le ghiandole sudoripare (quelle che fanno sudare).

La prima mestruazione (menarca) rappresenterà il vero e proprio addio all’infanzia. Hai presente il ponte di cui ti parlavo prima? Ecco, al momento della prima mestruazione, è come se le ragazze si trovassero già a metà di quel percorso che le condurrà all’età adulta. Almeno dal punto di vista fisico, da quel momento in poi, non sarà per loro più possibile tornare indietro.
In termini scientifici, infatti, la prima mestruazione rappresenta la maturazione del sistema nervoso e ormonale del cervello, nonché dei collegamenti nervosi tra utero e ovaie. La ragazza si sta preparando cioè a diventare a tutti gli effetti una donna, capace di riprodursi e dare al mondo, in futuro, anche dei figli. Il vero motivo di tutti i cambiamenti fisici puberali, d’altronde, è proprio la maturazione del proprio apparato sessuale e riproduttivo.

Diventare uomini

Contrariamente alle femmine, nei maschi l’inizio della pubertà non coincide spesso con un aumento della statura, che pur si verifica. La vera e propria pubertà, invece, inizia nel ragazzo soltanto due anni più tardi rispetto alla crescita in altezza. I futuri uomini avvertono un ingrandimento di tuttol’organo riproduttivo (il pene) e al contempo la comparsa dei peli nelle zone intime, sotto le ascelle o in faccia (barba e baffi).

Maggiormente rispetto alle donne, vi è un aumento della massa muscolare e scheletrica, un cambiamento nel tono della voce (che si fa più basso), nonché la comparsa di acne sul volto (i fastidiosissimi brufoli!). Così come avviene per le donne con la prima mestruazione, anche i ragazzi maturano internamente il proprio sistema ormonale e riproduttivo. In questo periodo, infatti, i maschi aumenteranno la produzione di spermatozoi (la cellula riproduttiva maschile).

Quando un ragazzo non vuole diventare adulto

I cambiamenti fisici in adolescenza sono molti e intensi. Spesso, però, capita che il ragazzo, o la ragazza, non si riconosca nelle mutazioni somatiche cui va incontro. In un certo senso, accade che “non vuole” diventare grande. Hai presente Peter Pan, che non voleva crescere? Ecco, avviene più o meno la stessa cosa. Ma se da un punto di vista psicologico il ragazzo non desidera crescere, da un punto di vista fisico il corpo lo fa ugualmente (i due processi sono, infatti, distinti). L’immagine mentale infantile che il ragazzo ha di sé, a quel punto, non coinciderà più con quella fisica, che continuerà comunque a svilupparsi. L’adolescente stenterà, di conseguenza, a riconoscersi nella propria immagine corporea, dando vita a svariati problemi psicologici (in genere transitori).

Potrà capitare, ad esempio, che si vedrà troppo magro, e quindi inizierà a mangiare fino a diventare obeso. O, al contrario, una ragazza si vedrà grossa, decidendo per questo di non mangiare più, al punto da diventare anoressica. Oppure ancora, un adolescente, se non riuscirà ad adattarsi ai cambiamenti somatici, potrà muoversi in modo goffo, non si piacerà, potrà addirittura ritirarsi da un punto di vista sociale e psicologico.

Quando vi è una discrepanza tra l’immagine corporea e quella mentale, allora è probabile che un aiuto psicologico può essere utile. Non preoccuparti! In genere non si tratta di lunghe terapie, ma brevi; a volte basta anche una seduta singola per risolvere la problematica.

In questi casi, infatti, spesso è necessario un semplice sostegno psicologico, ma che sia capace di aiutarti a unire l’immagine mentale che hai di te stesso, con quella che il tuo corpo sta sviluppando. E dunque arrivare alla fine di quel ponte (la vita adulta), senza rischiare di sbagliare strada.

Bibliografia consigliata

Palmonari, A. (2011). Psicologia dell’adolescenza, Il Mulino, Bologna.

Perkins, R. (2006). The effectiveness of one session of therapy using a single-session therapy approach for children and adolescents with mental health problems, The British Psychological Society, Psychology and Psychotherapy: Theory, Research and Practice,79.

Talmon, M. (1990). Psicoterapia a seduta singola, Erickson, Milano.

 

No Tag have Found!
Back To Home

Privacy Policy

Cookie Policy

© 2019 Italian Center for Single Session Therapy srls - Piazza Comitato Lib. Nazionale, 5 - 00015 Monterotondo (RM) - PIVA: 14156091002 Onesession. UOUAPPS